«

»

Nov 13

Presentazione “Una notte troppo bella per morire”

   Copertina Una notte troppo bella per morire  Non è stata la solita presentazione di un libro preceduta da una critica benevola, ma un’ora nella quale Isabel Suppé, la scrittrice alpinista tedesca che vive in Argentina, ha fatto vivere tante intense emozioni, suscitando l’ammirazione dei tanti presenti, soprattutto per il suo grande coraggio, la sua tenacia e la grande voglia di vivere.
Un notte troppo bella per morire è quella del 2010 quando due scalatori, un uomo e una donna, si trovano sulle Ande peruviane, gruppo dei Condoriri, su una cima di 5500 metri, l’Ala Izquierda. Insieme provano ad affrontare una difficile via del ghiaccio. A soli 50 metri dalla vetta, uno schianto improvviso, un chiodo di ghiaccio esplode. Un volo di 400 metri. Lui sopravvive solo per qualche ora, lei – la spina dorsale protetta dallo zaino – miracolosamente illesa. Ha una gamba spezzata in più punti, ma è viva. Si trascinerà per due giorni e due notti lungo il ghiacciaio tra dolori e allucinazioni.
Una storia appassionante attraverso la quale il folto pubblico intervenuto alla presentazione, avvenuta venerdì 13 novembre nella sede del CAI Sicilia in via Roma, ha conosciuto una donna coraggiosa che ha saputo ritrovare forze ed energia per ritornare ad amare la vita per merito della bellezza della natura.

foto presentazione