MICOLOGIA

Perché la micologia nelle nostre pagine ?

La micologia quale branca della scienza che studia i funghi è inserita pienamente nell’ambiente naturale e nel contesto dove opera il Club Alpino Italiano. Per questo motivo tanti appassionati soci e simpatizzanti CAI sono anche appassionati di funghi epigei e ipogei.

A loro ed a tutti coloro che sono interessati, intendiamo dare qualche notizia sulla materia.

Peraltro, quale associazione ambientalista, siamo pienamente inseriti fra le associazioni che possono organizzare in Sicilia corsi di formazione per il rilascio del tesserino per la raccolta. In aggiunta quale ente di gestione delle riserve naturali abbiamo l’onere di regolare e/o fare rispettare il regolamento dentro l’area delle riserve stesse.

I funghi costituiscono un settore ricchissimo di forme e funzioni valutato in oltre 150 mila entità presenti nei più svariati ambienti climatici e pedologici,facenti parte dell’Ambiente Naturale, a cui bisogna prestare molta attenzione, soprattutto da chi fruisce stabilmente dell’ambiente stesso, come gli escursionisti del Cai.

Essi svolgono importantissime attività, spesso ignorate o superficialmente valutate nella pratica quotidiana, che sono alla base della vita sulla terra.
Comprendono organismi capaci di mantenere un equilibrio tra produzione di materiali vegetali (foglie, rami, radici, ecc.) e loro trasformazione sì da impedirne un eccessivo accumulo che risulterebbe limitativo della vita stessa.
Organismi in grado di stabilire rapporti di simbiosi con l’apparato radicale di piante erbacee ed arboree (micorrizazione), rapporto essenziale per lo sviluppo di tutta la popolazione vegetale.

Essi quindi sono capaci di produrre sostanze di natura chimico biologica (antibiotici) in grado di svolgere una spiccata azione antimicrobica contro molti agenti di gravi malattie dell’uomo e degli animali. Sono anche organismi causa di gravissime calamità a seguito dell’azione parassitaria svolta a carico della maggior parte delle piante coltivate. Organismi quindi di malattie e di morte per l’uomo e gli animali attraverso le loro tossine e i loro veleni.Organismi di illusorio e pericoloso sollievo attraverso i loro allucinogeni. Organismi infine di squisita delicatezza alimentare.

I funghi sono organismi che diversi sistematici preferiscono vedere riuniti in un «regno» a parte, intermedio tra quello vegetale e quello animale nel quale sono raccolti gli organismi capaci di nutrirsi per assorbimento diretto di composti organici solubili.

I funghi inoltre posseggono caratteri strutturali e biochimici che possono isolarli dal mondo vegetale ed avvicinarli a quello animale come ad esempio quello di avere, come sostanza di riserva, il glicogeno, tipico polisaccaride, di accumulo in cellule animali, di annoverare tra i componenti della parete cellulare la chitina, polisaccaride presente nel dermascheletro degli insetti, di essere sprovvisti di plastidi. Per contro alcuni gruppi di funghi hanno parete cellulosica come quella delle cellule delle piante e cicli molto simili a quelli di numerose alghe.

I funghi da consumare quali commestibili-buoni, alla fine, si riducono a pochi generi e specie, fra tutti quelli in natura, ma in ogni caso necessita,oltre all’esperienza, una preparazione di base per riconoscerli.

Nel dubbio del riconoscimento, la buona Regola del Raccoglitore è quella che i funghi non vanno raccolti; non vanno altresì “dispensati” consigli ad altri raccoglitori .

Sono caratterizzati da una diffusione capillare in ogni ambiente naturale e da una molteplicità di forme da quelle invisibili a occhio nudo e percepibili solo nella loro aggregazione in colonia, a quelle macroscopiche che possono raggiungere anche dimensioni di diverse decine di cm. In queste ultime è compresa buona parte di quella flora fungina presente in prati e boschi oggetto di un intenso e appassionato studio ma che spesso è anche oggetto di una sfrenata e distruttiva raccolta a fini gastronomici.

La legge quadro nazionale 352/93 ha normato alcuni aspetti principali, demandando alle regioni le ulteriori regolamentazioni.

La Regione Siciliana con la l.r.3/06 ha dettato le regole per la raccolta e relative sanzioni sui comportamenti non conformi, oltre a dare gli indirizzi per l’organizzazione dei corsi di formazione per il rilascio del tesserino di raccolta funghi spontanei epigei, da parte di alcuni Soggetti, fra cui sono state inserite le Associazioni Ambientaliste riconosciute, oltre ai Comuni, Province e Associazioni Micologiche.

L’Ufficio di riferimento regionale per le Autorizzazioni ai Corsi di formazione di micologia, ai fini del rilascio del tesserino regionale di raccolta funghi epigei, da parte del Comune di Residenza è il Dipartimento Foreste Servizio Tutela – Assessorato Regionale Agricoltura e Foreste. Viale Regione Siciliana-Palermo.

IL CORSO PER RACCOGLITORI 2010

Il Corso per raccoglitori dei funghi epigei spontanei, svoltosi a Petralia Sottana e Cefalù, organizzato dal Cai Sicilia-Sezioni di Petralia e Cefalù, nel mese di novembre 2010, con il Patrocinio del Comune di Petralia Sottana e l’Ente Parco delle Madonie, si è ben concluso con la consegna degli Attestati.

I corsisti, circa 50, provenienti dalle alte e basse Madonie (anche con raccoglitori di Bagheria), hanno superato con profitto l’esame finale acquisendo l’Attestato per il rilascio,da parte del Comune di residenza, del patentino di raccoglitori in tutto il territorio regionale. Particolare attenzione è stata data dal Cai, con i Micologi e i suoi Esperti, oltre al riconoscimento dei generi e delle specie di funghi, al valore della frequentazione sotto il profilo ecologico del bosco e dell’ambiente, oltre alla sicurezza dell’andare a funghi, a cui il Cai e il Soccorso Alpino, in tutta Italia, prestano particolare attenzione per evitare incidenti in montagna.

PER PARTECIPARE AI CORSI CONTATTARE LA SEZIONE CAI PIU’ VICINA

SCARICA LA GUIDA:

“Sicuri a Cercar Funghi – Campagna del Soccorso Alpino e Speleologico del CAI”: SCARICA Cercar funghi

Realizzata in collaborazione con l’Assessorato Regionale del Territorio e dell’Ambiente “Comando del Corpo Forestale – Servizio Tutela”: dipartim.foreste@regione.sicilia.it 

NORMATIVA REGIONALE:

Rilascio Tesserini per raccoglitori, raccolta e commercializzazione specie fungine.

Legge regionale di riferimento:

La legge regionale

LEGGI E DECRETI PRESIDENZIALI LEGGE 1 febbraio 2006, n. 3. Disciplina della raccolta, commercializzazione e valorizzazione dei funghi epigei spontanei. REGIONE SICILIANA L’ASSEMBLEA REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA REGIONE PROMULGA la seguente legge: Art. 1. Finalità 1. La presente legge disciplina la raccolta e la commercializzazione dei funghi epigei spontanei, al fine di salvaguardare l’ambiente, …

Vedi pagina »

Lascia un commento