«

Nov 06

Il Club Alpino Italiano per la scuola: 28° Corso Nazionale Docenti “Le coste del trapanese” Natura e storia di un territorio che conserva i segni del lavoro dell’uomo.

Foto del Gruppo a SegestaCinquantaquattro  insegnanti provenienti da tutta l’Italia hanno studiato e sperimentato di persona  la bellezza ed i motivi di interesse delle coste del trapanese. L’opportunità è stata offerta dal CAI Sicilia onlus che ha organizzato un corso di formazione autorizzato dal ministero della pubblica istruzione con base a Castellammare del Golfo, sotto la direzione scientifica del professor Gaetano Dongarrà dell’Università di Palermo e con il coordinamento tecnico del presidente del CAI regionale, Giuseppe Oliveri. Preziosa alla buona riuscita della manifestazione è stata la collaborazione dei soci della S/Sezione di Castellammare del Golfo, apprezzatissima dai corsisti  la serata a tema mitologico lungo il fiume Crimiso. Il Corso è stato un occasione preziosa per diffondere  conoscenze naturalistiche e storiche su una delle aree più interessanti della nostra regione, ma anche per creare ulteriori occasioni di visita da parte di scolaresche, considerato che quasi il 70 dei partecipanti al corso provenivano dal nord Italia. Il programma si è articolato su un canovaccio ormai sperimentato con successo: le informazioni scientifiche nei primi due giorni del corso al Castello Arabo-Normanno e al Cine Teatro Apollo di Castellammare e le visite nei giorni successivi alle Riserve di Monte Cofano e dello Zingaro, alle saline di Nubia, all’area archeologica di Marsala e il Baglio Anselmi, alle Cantine Florio, al Borgo Medievale di Erice e le sue chiese. Una ricchezza di giacimenti culturali che ha impressionato gli insegnanti partecipanti alla occasione di formazione sul campo, colpiti dalle diverse proposte culturali che è possibile trasferire agli studenti in un’area relativamente limitata. Per molti di loro la foto ricordo nella cavea del teatro di Segesta è stato solo un modo per fissare un arrivederci in Sicilia.